Tesori d’arte nella Chiesa di San Nazario

Lettori: 1.156
Diego Bevilaqua e la mostra "Impressioni su carta e legno"

Villarbasse – È visitabile fino al prossimo 19 giugno la mostra «Impressioni su carta e legno», nella chiesa di San Nazario. L’allestimento è stato curato da Diego Bevilaqua, insieme a Giovanni Baricada, Franca Bruno e Giulia Pennaroli. «Il nostro obiettivo – spiega Diego Bevilacqua – è offrire la possibilità ai villarbassesi, e non solo, di conoscere quella parte del patrimonio artistico locale non sempre fruibile». Il filo conduttore è «tracciare un segno», e così, in tre diversi spazi, sono presenti sculture in legno e litografie, accanto a stampe e paramenti liturgici. Tra gli oggetti in esposizione, spiccano due statue settecentesche, in legno dorato, di San Tommaso d’Aquino e Sant’Antonio da Padova, un crocifisso del Seicento e un antico registro, scritto a penna, dei beni parrocchiali.

Diego Bevilacqua si è laureato a febbraio in Architettura per il restauro e la valorizzazione dei beni artistici: «Per me – dice – allestire questa mostra è stata un’esperienza utile per coltivare la mia passione e  imparare, perché è raro poter approfondire storia e caratteristiche di questi oggetti». Ne è scaturito il libretto dal titolo «Chiesa Parrocchiale San Nazario Martire… un percorso tra arte e tesori dal ‘600 ad oggi», con appunti e curiosità su questo edificio, a partire dalla torre campanaria costruita nel Duecento.

Condividi

Be the first to comment on "Tesori d’arte nella Chiesa di San Nazario"

Lascia un commento

Your email address will not be published.


*