Il colore nell’arte: spiritualità, memoria, psicologia, biologia e neuroscienze

Lettori: 124
Luigi Russolo, ProfumoLuigi Russolo, Profumo

Rivoli – Dal 14 marzo al 23 luglio 2017 il Museo di arte Contemporanea del Castello di Rivoli e la GAM di Torino ospitano la mostra «L’emozione dei COLORI nell’arte», con l’esposizione di una raccolta di 400 opere realizzate da 125 artisti provenienti da tutto il mondo, datate da fine Settecento ai nostri giorni.

Spiegano gli organizzatori: «La mostra collettiva ripercorre la storia, le invenzioni, l’esperienza e l’uso del colore nell’arte moderna e contemporanea occidentale, nelle culture non occidentali e nelle culture indigene presenti nel mondo oggi. Attraverso una molteplicità di racconti e presentazioni di opere d’arte importanti, si affronta l’uso del colore da svariati punti di vista, tra i quali quello filosofico, biologico, quello antropologico e quello neuroscientifico».

Il pubblico potrà esplorare, tra le altre, opere di Henri Matisse, Wassily Kandinsky, Paul Klee, Giacomo Balla, Edvard Munch, Luigi Russolo, Lucio Fontana, Andy Warhol. «La mostra indaga l’utilizzo del colore nell’arte dando conto di movimenti e ricerche artistiche che si discostano dalle storie canoniche sul colore e l’astrazione, attraverso molteplici narrazioni che si ricollegano alla memoria, alla spiritualità, alla politica, alla psicologia e alla sinestesia», sottolinea la presentazione. Durante l’evento il neuroscienziato Vittorio Gallese, che insieme a Giacomo Rizzolati ha scoperto i neuroni specchio, dirigerà «per la prima volta a livello mondiale, un laboratorio di studio neuroscientifico incentrato sull’esperienza del pubblico di fronte a opere d’arte».

Biglietti: Castello di Rivoli euro 8,50 (ridotto euro 6,50 per possessori biglietto GAM), GAM euro 10 (ridotto euro 8 per possessori biglietto Castello di Rivoli).

Be the first to comment on "Il colore nell’arte: spiritualità, memoria, psicologia, biologia e neuroscienze"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*